Programma nazionale di educazione alla cittadinanza

Sui passi di Francesco…

Dalla Grande Guerra
alla Grande Pace

Programma nazionale
di Educazione alla Cittadinanza Democratica “La mia scuola per la pace”
Anno scolastico 2014-2015
Il centenario della prima guerra mondiale è una grande occasione per riscoprire e promuovere il grande valore della pace, un diritto e un prezioso “bene comune” che stiamo rischiando di perdere.

La commemorazione delle vittime di quella grande strage ci aiuterà a dare un volto umano a tutte le persone che hanno perso la vita a causa della guerra e a capire perché continuano a scoppiare nuove guerre.

La memoria della prima guerra mondiale si unirà alla memoria di tutte le guerre che si sono succedute in questi cento anni e a una maggiore consapevolezza di tutte quelle che ancora oggi sono in corso in tante parti del mondo.

La ricorrenza di questo centenario coincide con l’avvio, da parte delle Nazioni Unite, di un’importante iniziativa tesa a riconoscere la pace quale diritto fondamentale della persona e dei popoli. A sostegno di questo obiettivo si è espresso anche Papa Francesco auspicando che “si possa giungere all’effettiva applicazione nel diritto internazionale del diritto alla pace, quale diritto umano fondamentale, pre-condizione necessaria per l’esercizio di tutti gli altri diritti”.

Con questo spirito, il Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la pace e i Diritti Umani, la Tavola della pace e la Rivista “San Francesco Patrono d’Italia” curata dai Francescani del Sacro Convento d’Assisi, la Rete nazionale delle scuole per la pace e i diritti umani, in collaborazione con la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e l’adesione della Conferenza dei Presidenti delle Assemblee Legislative delle Regioni e delle Province autonome, hanno deciso di promuovere il Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica “Dalla Grande Guerra alla Grande Pace”.

Dopo cento anni di guerre, massacri e crimini contro l’umanità, mentre “la guerra è dappertutto e siamo nella Terza Guerra Mondiale” (Papa Francesco) vogliamo impegnarci per costruire e diffondere la cultura della pace, del dialogo e della fraternità, chiudere l’era della grande guerra e inaugurare l’era della grande pace.

Il programma prevede la realizzazione di un grande laboratorio nazionale ed europeo della cultura della pace, del dialogo e della fraternità. Un laboratorio partecipativo diffuso sul territorio. Un grande sforzo collettivo e collaborativo di studio, elaborazione e comunicazione di pace.

Ogni scuola è invitata a partecipare attivamente realizzando a sua volta un laboratorio che veda il protagonismo di studenti, insegnanti e dirigenti scolastici e la valorizzazione delle diverse abilità e competenze.

Il programma è stato ideato ad Assisi nell’ambito del Meeting nazionale delle scuole per la pace, la fraternità e il dialogo del 14 e 15 aprile 2014 ed è parte integrante:

  • del percorso pluriennale “Sui passi di Francesco” avviato nel 2013 in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e la Ricerca – Direzione Generale per lo Studente, l’Integrazione, la Partecipazione e la Comunicazione.
  • del programma nazionale di educazione alla cittadinanza democratica denominato “La mia scuola per la pace” promosso sin dal 1995 dal Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani insieme a numerose organizzazioni della società civile e sostenuto da un Protocollo d’intesa sottoscritto con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

Obiettivi generali

Il programma è uno strumento per:

  • Promuovere l’educazione permanente dei giovani alla cittadinanza democratica, alla pace, ai diritti umani, alla legalità e alla giustizia mediante lo sviluppo dell’interazione e della collaborazione tra le scuole, gli Enti Locali e il territorio.
  • Sostenere e valorizzare l’azione educativa delle scuole e degli enti locali a favore della pace e dei diritti umani.
  • Produrre attività di ricerca-azione finalizzate all’innovazione della didattica e dell’azione delle scuole per l’educazione alla pace e ai diritti umani.
  • Stimolare l’educazione all’uso critico e consapevole dei media e delle nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione anche sviluppando l’incontro e il confronto tra il mondo della scuola e il mondo dell’informazione, tra gli operatori del servizio pubblico scolastico e gli operatori del servizio pubblico radiotelevisivo (RAI).
  • Favorire lo sviluppo della rete nazionale delle scuole di pace che si propone lo scambio delle esperienze e delle conoscenze, la messa in comune di prassi e metodologie, l’elaborazione, la produzione e la diffusione di materiale didattico.

Obiettivi specifici

  • Invitare tutte le scuole di ogni ordine e grado del paese, a cento anni dalla prima guerra mondiale, a realizzare un laboratorio della cultura della pace, del dialogo e della fraternità.
  • Realizzare programmi didattici tesi a favorire nei giovani la riscoperta del significato autentico dei valori universali della pace, della fraternità e del dialogo.
  • Accrescere le competenze di cittadinanza plurale (locale, nazionale, europea, mondiale) dei giovani che sono chiamati a vivere in un mondo globalizzato e interdipendente e a interagire con soggetti, culture e ambienti molto diversi.
  • Attuare il rinnovamento della didattica e dell’azione delle scuole nel campo dell’educazione alla cittadinanza democratica e accrescere la formazione del personale docente.
  • Valorizzare l’impegno della scuola italiana ad essere luogo concreto di pace, fraternità e dialogo condividendo le buone pratiche.

Attività dell’anno 2014-2015

  1. Campagna nazionale per promuovere l’inserimento nei POF di tutte le scuole di ogni ordine e grado di programmi didattici di educazione alla cittadinanza democratica a partire dal centenario della prima guerra mondiale, per la riscoperta del grande valore della pace, della fraternità e del dialogo.
  2. Celebrazione il 4 ottobre 2014, festa di San Francesco, della X Giornata Nazionale della pace, della fraternità e del dialogo tra appartenenti a culture e religioni diverse.
  3. Partecipazione il 19 ottobre 2014 alla 20° Marcia Perugia-Assisi per la pace e la fratellanza tra i popoli.
  4. Partecipazione al Corso di formazione per gli insegnanti aderenti che si terrà a Monfalcone (Gorizia) dal 14 al 16 novembre 2014. Il corso intende dedicare particolare attenzione al rinnovamento della didattica e dell’azione delle scuole con particolare attenzione al protagonismo dei giovani, ai linguaggi digitali, ai nuovi modi di apprendimento, all’uso critico e consapevole dei media e delle nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione.
  5. Promuovere la realizzazione di gemellaggi tra le scuole italiane e le scuole del Friuli Venezia Giulia aderenti al programma “La Grande Pace”.
  6. Organizzazione di “Laboratori di Pace” per gli insegnanti, i dirigenti scolastici, gli studenti e gli amministratori locali (da organizzare sul territorio delle scuole aderenti).
  7. Attività di sostegno e coordinamento delle iniziative assunte dalle scuole e dagli Enti Locali aderenti al programma.
  8. Meeting nazionale delle scuole di pace sulle trincee della prima guerra mondiale in Friuli Venezia Giulia. Il Meeting vedrà la partecipazione attiva degli studenti e degli insegnanti, delle scuole e delle istituzioni che hanno partecipato al progetto “Dalla Grande Guerra alla Grande Pace” e che intendono condividere le buone pratiche (Aprile-Maggio 2015)
  9. Elaborazione (a partire dalle esperienze realizzate a scuola) dei percorsi didattici per gli anni 2015-2018.

Cronogramma

Settembre 2014
Promozione del Programma presso le scuole, gli Enti Locali e le associazioni e i mezzi di comunicazione.

Raccolta delle adesioni delle scuole che hanno inserito il programma nel POF.

Invio delle “Linee guida per la progettazione didattica”.

Ottobre 2014
Celebrazione il 4 ottobre della Giornata Nazionale della pace, della fraternità e del dialogo tra appartenenti a culture e religioni diverse

Partecipazione il 19 ottobre 2014 alla 20° Marcia Perugia-Assisi per la pace e la fraternità (si veda il progetto “100 scuole per la pace e la fraternità”)

Novembre 2014
Partecipazione al Corso di formazione e ricerca per gli insegnanti e i dirigenti scolastici che si terrà a Monfalcone (Gorizia) dal 14 al 16 novembre 2014.

Aprile-Maggio 2015
Meeting nazionale delle scuole di pace sulle trincee della prima guerra mondiale in Friuli Venezia Giulia

Ogni scuola/classe è invitata a:

  1. Aderire al programma
  2. Realizzare un laboratorio
  3. Decidere quale elaborato/prodotto finale realizzare
  4. Avviare un gemellaggio con una scuola del Friuli Venezia Giulia aderente al programma
  5. Affrontare e sviluppare il tema generale con un componimento collettivo
  6. Partecipare il 19 ottobre 2014 alla 20° Marcia Perugia-Assisi per la pace e la fraternità
  7. Partecipare al Corso di formazione e ricerca per gli insegnanti, i dirigenti scolastici che si terrà a Monfalcone (Gorizia) dal 14 al 16 novembre 2014
  8. Partecipare al Meeting nazionale delle scuole di pace sulle trincee della prima guerra mondiale in Friuli Venezia Giulia (aprile/maggio 2015)

NB: ulteriori informazioni saranno contenute nelle “Linee guida per la progettazione didattica” che verranno inviate entro il 25 settembre 2014.

Per adesioni, comunicazioni e informazioni:
Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani
via della Viola 1 (06122) Perugia tel. 075/5737266 – fax 075/5721234
email info@scuoledipace.it – www.lamiascuolaperlapace.it
www.cittaperlapace.it

 

Rispondi